Parlano di noi :
  Tel: +39 0694 8061 05

Nessun risarcimento in caso di ritardo e cancellazione del volo

In caso di ritardo aereo superiore alle tre ore o di negato imbarco, i passeggeri possono far valere i propri diritti sanciti dal regolamento UE in materia di diritti dei passeggeri del trasporto aereo che, in determinate condizioni, prevede un rimborso tra 250 e 600 euro. Tuttavia, se la compagnia aerea non è direttamente responsabile del ritardo, è esonerata dall’obbligo di erogare eventuali risarcimenti.

Nessun risarcimento in caso di circostanze eccezionali
VERIFICA IN 2 MINUTI IL TUO POSSIBILE RISARCIMENTO

Ai sensi del regolamento UE in materia di diritti dei passeggeri del trasporto aereo non ti spetta alcun risarcimento se:

  • Arrivi a destinazione con un ritardo inferiore a 3 ore
  • La compagnia aerea ti ha informato della cancellazione con un preavviso superiore a 14 giorni
  • Non ti sei presentato puntuale al check-in (salvo diversa comunicazione, i passeggeri dovrebbero presentarsi al check-in entro 45 minuti dalla partenza)
  • Il tuo volo risale a più di 1,5 anni fa
  • Hai viaggiato gratuitamente o a una tariffa ridotta non accessibile, direttamente o indirettamente, al pubblico
  • Si sono verificate circostanze eccezionali in relazione al tuo volo
  • Per i bambini che viaggiano gratis senza un proprio biglietto non è previsto alcun risarcimento

Cosa si intende per circostanze eccezionali in caso di ritardi o cancellazione dei voli?

Se la compagnia aerea non è responsabile del ritardo aereo non è tenuta a erogare alcun risarcimento ai sensi del regolamento in materia di diritti dei passeggeri del trasporto aereo. Questo vale per le cosiddette “circostanze eccezionali”, tra cui rientrano:

  • chiusure dell’aeroporto o dello spazio aereo
  • instabilità politica/rischi di sicurezza inevitabili
  • scioperi
  • volatili nel motore
  • maltempo

Unica eccezione: casi in cui la compagnia aerea avrebbe potuto evitare il problema. Per esempio, se la compagnia aerea non si è procurata sufficiente prodotto antigelo per l’arrivo dell’inverno, in determinate circostanze è responsabile del ritardo aereo, soprattutto se gli aeromobili di altre compagnie sono decollati regolarmente. Riportiamo di seguito alcuni esempi di circostanze che esonerano la compagnia aerea dall’obbligo di risarcimento, e di altre per cui l’indennizzo è previsto.

Circostanze eccezionali: nessun diritto al risarcimento

  • Sciopero generale
  • Sciopero dei piloti
  • Sciopero dei controllori del traffico aereo
  • Blocchi dello spazio aereo
  • Condizioni meteo estreme
  • Interruzioni dei voli a causa di una catastrofe naturale (per esempio: nuvola di cenere)
  • Atterraggio di emergenza a causa di un fronte temporalesco
  • Primo volo di una coincidenza colpito da fulmine
  • Turbine danneggiate da un impatto con volatili
  • Guasto radar
  • Apertura dello scivolo di emergenza da parte dei passeggeri
  • Ritardo nel permesso di atterraggio

In questi casi hai diritto a un risarcimento

  • Guasti tecnici
  • Quantità disponibile di prodotto antigelo e per lo sghiacciamento non sufficiente
  • Mancanza di personale
  • Arrivo in ritardo in caso di coincidenza
  • Malattia di un membro dell’equipaggio o del pilota
  • La scala di imbarco si scontra con il velivolo

Chi ha diritto al risarcimento?

In linea di principio, in caso di forte ritardo, cancellazione del volo o negato imbarco, i passeggeri possono avere diritto al risarcimento se il loro volo ha come punto di partenza o di destinazione un aeroporto dell’UE (in quest’ultimo caso la compagnia aerea deve avere sede nell’Unione europea) e se sono in possesso di un biglietto valido. È irrilevante che si viaggi nell’ambito di un servizio tutto compreso, che il volo sia low-cost, che si tratti di un viaggio di lavoro, che si utilizzino biglietti gratuiti o emessi a prezzi ridotti nell’ambito di un programma promozionale o di fidelizzazione, o infine che il passeggero sia un bambino pagante. Questo è quanto stabilisce il regolamento UE in materia di diritti dei passeggeri del trasporto aereo.

Anche in caso di negato imbarco, dovuto per esempio a overbooking, le compagnie aeree possono essere tenute all’erogazione di un risarcimento. Tuttavia, se sussiste una delle seguenti circostanze, i passeggeri non ricevono alcun risarcimento. In sintesi:

  1. mancanza di un biglietto valido
  2. mancanza dei documenti di viaggio
  3. il passeggero è in grave stato di ebbrezza
  4. il passeggero ha una malattia contagiosa
  5. il passeggero rappresenta un rischio per la sicurezza

Risarcimento per ritardo, cancellazione del volo, perdita della coincidenza e negato imbarco

In assenza di circostanze eccezionali e se risultano soddisfatti tutti gli altri requisiti (vedi sopra), può spettarti un risarcimento a titolo di indennizzo per il disagio subito.

L’ammontare del risarcimento per i ritardi superiori alle 3 ore, per i casi di cancellazione del volo o di negato imbarco è stabilito e suddiviso in scaglioni dal regolamento UE in materia di diritti dei passeggeri del trasporto aereo. L’importo è correlato alla lunghezza della tratta aerea complessiva, che può essere composta anche da 2 o più voli purché compresi in un’unica prenotazione:

  • Tratte brevi (fino a 1500 chilometri): Ti spetta un risarcimento di € 250
  • Tratte medie (fino a 3500 chilometri): Ti spetta un risarcimento di € 400
  • Tratte lunghe (oltre 3500 chilometri): Ti spetta un risarcimento di € 600
Risarcimento in base alla tratta di volo

Come posso ottenere il risarcimento che mi spetta?

Le diverse sentenze riportate sopra dimostrano che l’interpretazione del regolamento in materia di diritti dei passeggeri del trasporto aereo non è sempre facile e sicuramente non è trasparente. Alcuni concetti giuridici, definiti in modo vago, come “orario di arrivo” o “circostanze eccezionali” rendono difficile l’esercizio dei diritti dei passeggeri. È stato necessario attendere le sentenze dei tribunali per individuare dei riferimenti - diversi passeggeri e consulenti in materia di diritti dei passeggeri del trasporto aereo, come Flightright, hanno rivendicato il risarcimento in tribunale creando così, in qualche misura, dei precedenti.

Pertanto, se desideri rivendicare un risarcimento per ritardo aereo, è consigliabile essere a conoscenza delle circostanze di casi analoghi e della giurisprudenza precedente, per stabilire se hai diritto o meno a un risarcimento e per aumentare le possibilità di riuscire a rivendicare con successo il tuo diritto. Essendo tra i principali consulenti giuridici in materia di diritti dei passeggeri, siamo sempre al corrente degli sviluppi e delle sentenze pronunciate in relazione al regolamento in materia di diritti dei passeggeri del trasporto aereo. Conosciamo tutte le sentenze e nel giro di pochi minuti siamo in grado di fare una stima delle tue possibilità di ottenere un risarcimento. La prima consulenza è gratuita.

VERIFICA IN 2 MINUTI IL TUO POSSIBILE RISARCIMENTO

Basta fornirci i dati del tuo volo. Verifichiamo nel dettaglio l’applicabilità del regolamento in materia di diritti dei passeggeri del trasporto aereo e ti diamo subito una prima valutazione. Se risulta che hai diritto a un risarcimento puoi subito affidarci l’incarico con un semplice clic, risparmiando tempo ed evitando controversie con la compagnia aerea. Presentiamo la domanda per il tuo risarcimento e, se necessario, andiamo anche in tribunale - senza costi aggiuntivi. Abbiamo già portato avanti con successo tantissimi casi di risarcimento per ritardi aerei, negato imbarco e cancellazioni ottenendo pagamenti per oltre 150 milioni di euro a favore dei nostri clienti.

Snack e bevande in caso di circostanze eccezionali

Cosa mi spetta in aeroporto in caso di tempi di attesa prolungati?

In caso di tempi di attesa prolungati in aeroporto, la compagnia aerea, a prescindere dal fatto che sia o meno responsabile del ritardo o della cancellazione, è sempre tenuta a fornire assistenza ai passeggeri. Il regolamento 261/2004 in materia di diritti dei passeggeri del trasporto aereo stabilisce tale assistenza come segue:

  • Tratte brevi fino a 1500 km: per attese di 2 o più ore o in caso di cancellazione ti spettano gratuitamente bevande e snack come pure l'accesso alla posta elettronica, fax e due telefonate
  • Tratte medie tra 1500 e 3500 km: per attese di 3 o più ore o in caso di cancellazione ti spettano gratuitamente bevande e pasti oltre a due telefonate, accesso alla posta elettronica o fax
  • Tratte lunghe, oltre i 3500 km: per attese di 4 o più ore o in caso di cancellazione ti spettano gratuitamente bevande e pasti oltre a due telefonate, accesso alla posta elettronica o fax

Se devi attendere in aeroporto più di 5 ore o se il tuo volo viene posticipato al giorno successivo, la compagnia aerea deve offrirti ulteriori servizi di assistenza. Per maggiori dettagli consulta la sezione Diritti dei passeggeri del nostro sito internet.

Come posso tutelarmi per il mio prossimo volo?

Hai già prenotato un volo e vuoi tutelarti fin da ora nel caso in cui dovesse subire un ritardo o essere cancellato? È possibile inserire anche i voli futuri nel nostro calcolatore di risarcimento, e sarà nostra premura contattarti se per i voli inseriti dovesse emergere un diritto al risarcimento.

Checklist: In questi casi non ti spetta un risarcimento

  • Il tuo volo non è potuto partire come previsto a causa di circostanze eccezionali. Es.: Maltempo, impatto con volatili, blocco dello spazio aereo
  • Sei arrivato all’aeroporto di destinazione con un ritardo inferiore alle 3 ore.
  • Non ti sei presentato al check-in con puntualità
  • Il volo oggetto del disservizio risale a più di 1,5 anni fa.
  • Hai viaggiato gratuitamente o a una tariffa ridotta non accessibile, direttamente o indirettamente, al pubblico.
Continua a scegliere il meglio