Parlano di noi :
  Tel: +39 0694 8061 05

Diritti dei passeggeri del trasporto aereo in caso di sciopero

Per l'estate 2019 sono previsti numerosi scioperi a Londra.

Sono già programmati molti scioperi per il mese di Agosto.
Si prevedono molti ritardi ed annullamenti, pertanto consigliamo di controllare lo stato del volo direttamente con la compagnia aerea.

- Il 5 e 6 agosto e ancora il 23 e 24 agosto: è previsto uno sciopero dello staff dell'aeroporto di Heathrow

- Il 10 e 12 agosto: scioperto dello staff dell'aeroporto di Gatwick

Gli scioperi, che coinvolgano il personale aeroportuale o quello di volo, sono spesso causa di disservizi. In generale non sussiste diritto a un risarcimento per i passeggeri che subiscono disagi a causa di uno sciopero. Tuttavia, il regolamento UE stabilisce che i passeggeri hanno comunque diritto all’assistenza e a una soluzione di trasporto sostitutiva il prima possibile.

Ritardi aerei e cancellazioni dovuti a scioperi

Quando ho diritto a richiedere un risarcimento in caso di sciopero?

  • Il tuo volo non rientra nella fascia oraria direttamente interessata dallo sciopero
  • Il tuo volo non risale a più di 1,5 anni fa
  • Ti eri presentato puntuale al check-in
  • Il tuo volo (operato da qualsiasi compagnia) è partito da un aeroporto dell’UE oppure è atterrato nell’UE (la compagnia aerea deve avere sede nell’UE)

Cosa devo fare in caso di disservizio aereo dovuto a uno sciopero?

  • Fatti comunicare per iscritto dalla compagnia aerea il motivo del ritardo
  • Conserva scontrini e ricevute: per esempio di pasti oppure voucher spesi.
  • Pretendi l’assistenza a terra
  • Calcola quanto ti spetta utilizzando il nostro calcolatore del risarcimento.

È possibile ottenere un risarcimento per disservizi causati da uno sciopero?

Secondo il regolamento in materia di diritti dei passeggeri del trasporto aereo vigente in tutta Europa (Reg. CE N. 261/2004), in caso di cancellazione del volo, overbooking o forte ritardo, ai passeggeri spettano fino a 600 euro di risarcimento. Tuttavia, in presenza di una circostanza eccezionale (come uno sciopero) il diritto decade. In caso di sciopero, di norma, non sussiste alcun obbligo di pagamento in capo alle compagnie aeree. È irrilevante che a scioperare sia il personale di terra dell’aeroporto o il personale della compagnia aerea. Non ha importanza nemmeno che lo sciopero sia stato indetto con poco preavviso o fosse già stato annunciato da tempo.

Anche in caso di sciopero vi sono delle eccezioni alla regola, al verificarsi delle quali in alcuni casi la compagnia aerea può essere ritenuta responsabile del ritardo, della cancellazione o del negato imbarco. Per poter far valere queste eccezioni, il volo interessato deve avere come punto di partenza o di arrivo un aeroporto dell’UE. Nel secondo caso, inoltre, il vettore aereo operativo deve avere la propria sede all’interno dell’Unione europea. Ai fini del risarcimento sono irrilevanti fattori quali, per esempio, il prezzo del biglietto e se ci si mette in viaggio nell’ambito di un servizio tutto compreso o per lavoro. Il diritto al risarcimento può essere esercitato entro 1,5 anni dalla data del volo.

Ecco le eccezioni in presenza delle quali hai diritto a un risarcimento:

Se il tuo volo non rientra nella fascia oraria direttamente interessata dallo sciopero, ma viene cancellato per le conseguenze dello sciopero, dovresti verificare se ti spetta una compensazione. Un esempio: Se dopo lo sciopero tutti i voli partono e atterrano regolarmente, ma ciononostante ti viene negato l’imbarco, è probabile che la compagnia aerea abbia dato il tuo posto a un passeggero interessato direttamente dallo sciopero. In un caso come questo, la compagnia aerea ti starebbe negando l’imbarco contro la tua volontà, pertanto potrebbe spettarti un risarcimento.

Anche le cancellazioni di voli prima del primo giorno ufficiale di sciopero, di regola, non sollevano le compagnie aeree dall’obbligo di erogare il risarcimento. La Corte di giustizia dell’Unione europea motiva questa fattispecie argomentando che, diversamente, se una compagnia aerea potesse appellarsi anche ad accadimenti che rientrano nella sua capacità di controllo, i passeggeri rimarrebbero completamente senza tutele (CGUE, sentenza del 04/10/2012, Rif.: C-22/11).

A quanto ammonta il risarcimento che mi spetta?

Il regolamento UE in materia di diritti dei passeggeri del trasporto aereo stabilisce che in caso di ritardo di 3 ore o più, cancellazione del volo e negato imbarco, sussiste il diritto al risarcimento secondo i seguenti importi:

  • Tratte brevi (fino a 1500 chilometri): Ti spetta un risarcimento di € 250
  • Tratte medie (fino a 3500 chilometri): Ti spetta un risarcimento di € 400
  • Tratte lunghe (oltre 3500 chilometri): Ti spetta un risarcimento di € 600
Risarcimento in base alla tratta di volo

Devo presentarmi in aeroporto nonostante lo sciopero?

Sì, è importante arrivare puntuali al check-in, in particolare se si tratta di uno sciopero presumibilmente di breve durata. Qualora la compagnia aerea ti riprotegga nel giro di breve tempo su un volo sostitutivo e tu dovessi perderlo, decade il tuo diritto al volo. Anche durante tempi di attesa prolungati resta quindi sempre nelle vicinanze del gate. Se lo sciopero si protrae per più giorni, puoi informarti in anticipo presso la compagnia aerea per sapere quando è previsto il decollo del tuo volo sostitutivo. In questo caso, naturalmente, non è necessario presentarsi in aeroporto per la partenza originariamente prevista.

Posso cercare in modo autonomo una soluzione di trasporto sostitutiva?

Le compagnie aeree sono tenute a informarti con la massima solerzia dell’eventuale cancellazione del tuo volo e a cercare un volo sostitutivo ragionevole. Spesso i vettori aerei cercano di arginare le cancellazioni dei voli tramite le proprie affiliate, riproteggendo i passeggeri su queste compagnie aeree.

Se il tuo volo viene cancellato a causa di uno sciopero, tuttavia, lo puoi cambiare o stornare completamente anche in modo autonomo presso la tua compagnia aerea e senza costi. L’operazione può essere effettuata online, per esempio tramite il sito per le prenotazioni della compagnia aerea.

Viaggiare in treno o noleggiare un’auto al posto di un volo

In caso di cancellazione di voli nazionali, potrebbe valere la pena cambiare mezzo e scegliere il treno. È sufficiente far convertire il proprio biglietto aereo in un biglietto ferroviario. Si può fare gratuitamente alla biglietteria della compagnia aerea oppure online sul sito per le prenotazioni della compagnia.

Fai attenzione se acquisti di tua iniziativa un biglietto ferroviario. Se il viaggio in treno dovesse essere più costoso del volo originariamente previsto, verosimilmente dovrai farti carico della differenza. In ogni caso conserva le ricevute di acquisto del biglietto ferroviario, per poterle poi presentare alla compagnia aerea richiedendone il rimborso. La soluzione di maggiore tutela è far convertire il biglietto aereo in un biglietto ferroviario dalla compagnia di volo, prima della partenza.

Il rimborso da parte della compagnia aerea per il noleggio di un’auto dipende interamente dall'esito di una trattativa in tal senso. Non sussiste alcun obbligo specifico in capo alla compagnia. Se questa dovesse acconsentire, fatti rilasciare una conferma scritta.

Soluzione di trasporto sostitutiva in caso di ritardi aerei e cancellazioni dovuti a uno sciopero

Come ricevo il risarcimento che mi spetta?

Innanzitutto devi capire se hai diritto al risarcimento. Per i privati cittadini spesso non è cosa semplice. Senza avere accesso alle banche dati sui voli, casi analoghi e senza il know-how legale è difficile stabilire il risarcimento e, in particolare, ottenerlo dalla compagnia aerea.

Con il nostro calcolatore del risarcimento ti diciamo nel giro di pochi minuti se hai diritto a un indennizzo. Con più di 8 anni di esperienza nel settore dei diritti dei passeggeri del trasporto aereo e oltre 5,2 milioni di passeggeri che si affidano ai nostri servizi, ti aiutiamo a far valere i tuoi diritti in modo semplice, veloce e senza oneri a tuo carico. Basta inserire i dati del tuo volo nel nostro calcolatore del risarcimento appositamente studiato. Analizza centinaia di migliaia di movimenti aerei e dati meteo e verifica in modo dettagliato l’applicabilità del regolamento in materia di diritti dei passeggeri del trasporto aereo. Otterrai subito una prima valutazione gratuita. Prova subito:

VERIFICA IN 2 MINUTI IL TUO POSSIBILE RISARCIMENTO

Cosa mi spetta in aeroporto in caso di tempi di attesa prolungati?

Ti trovi all’aeroporto di partenza in attesa del volo? Verifica subito che tipo di assistenza a terra ti spetta di diritto. Questi servizi variano in base alla tratta. Qui trovi una sintesi di ciò che ti spetta.

  • Tratte brevi fino a 1500 km: per attese di 2 o più ore ti spettano gratuitamente bevande e snack come pure l'accesso alla posta elettronica, fax e due telefonate
  • Tratte medie tra 1500 e 3500 km: per attese di 3 o più ore ti spettano gratuitamente bevande e pasti oltre a due telefonate, accesso alla posta elettronica o fax
  • Tratte lunghe, oltre i 3500 km: per attese di 4 o più ore ti spettano gratuitamente bevande e pasti oltre a due telefonate, accesso alla posta elettronica o fax

Se il mio volo ha più di 5 ore di ritardo?

Se il tuo volo viene posticipato di più di 5 ore, hai diritto a recedere dal volo prenotato, pretendendo una soluzione di trasporto sostitutiva o il rimborso integrale del prezzo del biglietto.

E se il mio volo viene posticipato al giorno successivo?

Se il tuo volo viene posticipato al giorno successivo, il regolamento UE in materia di diritti dei passeggeri del trasporto aereo obbliga la compagnia a organizzare la sistemazione in hotel per il pernottamento e il trasferimento da e verso l’aeroporto.

Checklist: In questi casi non ti spetta un risarcimento

  • Il tuo volo rientra nella fascia oraria direttamente interessata dallo sciopero
  • Sei arrivato all’aeroporto di destinazione con un ritardo inferiore alle 3 ore
  • Non ti sei presentato al check-in con puntualità
  • Il volo oggetto del disservizio risale a più di 1,5 anni fa
  • Il tuo volo non rientra nell’ambito di applicazione della normativa UE in materia di diritti dei passeggeri del trasporto aereo
VERIFICA IN 2 MINUTI IL TUO POSSIBILE RISARCIMENTO
Continua a scegliere il meglio